Archive for ‘PSICOLOGIA E BENESSERE’

24 ottobre 2017

La doula

doula

La doula è una figura professionale non medica e non sanitaria che si occupa di sostegno alla donna dalla gravidanza sino al primo anno di vita del bambino, contribuendo al suo benessere psicofisico.

Con la pubblicazione in America nel 1993 del volume “Mothering the Mother” a cura del neonatologo Marshall H. Klaus, del pediatra John H. Kennell e della psicoterapeuta Phyllis H. Klaus, la figura della doula si è diffusa in molti Paesi del mondo. I ricercatori americani durante i loro studi sugli effetti della presenza di una “compagna” durante il travaglio e il parto hanno dimostrato che la presenza continua di una doula favorisce una migliore esperienza del parto rendendo il travaglio più facile e rapido (stimola la liberazione dell’ossitocina utile a ridurre paura e stress), riduce il tasso di cesarei e di interventi, farmacologici e non, aumenta il tasso di successo nell’allattamento e può prevenire la depressione postparto.

Il mio compito di doula (sono membro dell’associazione Mondo Doula) è quindi di “fare da madre alla madre” , dando voce a quanto già sente a livello intuitivo e rispondendo alle sue necessità. Aiuto la mamma a far emergere ciò che vorrebbe dal proprio parto (compilando insieme il birth plan), propongo metodi di respirazione e visualizzazioni per sostenerla e aiutarla nella gestione del dolore, la aiuto nella ricerca d’informazioni creando un rapporto intimo e confidenziale.

Come doula dopo la nascita sono accanto alla nuova famiglia, anche nell’intimità della proria casa, occupandomi del sostegno pratico ed emozionale affinché i genitori si sentano supportati nel nuovo percorso di vita. Mi piace definirmi come una accompagnatrice della nascita con occhi discreti che incoraggiano.

Oggi spesso le madri si ritrovano ad essere sole in uno dei momenti di trasformazione più radicale della loro vita, a vivere un’esperienza che non ha eguali e che non si riduce semplicemente ad avere una responsabilità in più. Fare spazio alla nascita di un bambino significa fare spazio ad una miriade  di emozioni: alcune belle, altre brutte, forti e talvolta destabilizzanti. Nel diventare madri si perde il conosciuto, si creano aspettative che spesso non sono sotto il pieno controllo della scienza medica, ci si sente frastornati dinnanzi alle fatiche quotidiane.

La doula rimane con la mamma sempre, l’ascolta senza giudizi, crea uno spazio per accogliere le sue domande, collaborando con ostetriche e psicologhe, ascolta i suoi vissuti, desideri e paure accompagnandola a vivere la propria esperienza con la massima consapevolezza, infondendo fiducia nel suo potente istinto di donna e mamma.

Dott.ssa Monica D’Urso 
Annunci
5 marzo 2014

La formazione

INCONTRI DI FORMAZIONE

Corsi di formazione

Il concetto di formazione ha molteplici significati ed è usato in diverse discipline; il significato deriva da formare da cui dare una forma.

La formazione nell’ambito psicologico viene svolta solitamente in gruppo. L’obiettivo dello psicologo è quello di trasmettere le proprie conoscenze e competenze specifiche, oltre che favorire l’emergere delle risorse individuali e nuovi apprendimenti attraverso lo scambio e la condivisione dei contenuti propri dei membri del gruppi. 

Proponiamo incontri su tematiche specifiche legate ai nostri ambiti di intervento. Tali incontri vengono svolti sia presso gli spazi della nostra Associazione che, su richiesta, presso altre strutture pubbliche o private.

4 marzo 2014

Prevenzione e Promozione del benessere

PROGETTI DI PREVENZIONE e

PROMOZIONE DEL BENESSERE

Promozione del benessere

La psicologia si occupa non solo di lavorare sul disagio, ma comprende anche tutte quelle attività volte a favorire il benessere individuale e sociale.

In particolare si parla di prevenzione quando l’intervento dello psicologo ha come obiettivo quello di impedire o ridurre il le possibilità che si sviluppi un disagio psicologico.

Si parla invece di promozione del benessere quando l’intervento dello psicologo ha lo scopo di favorire lo sviluppo delle capacità emozionali e cognitive di un individuo al fine di migliorarne la qualità di vita.

In linea con gli scopi della nostra Associazione, abbiamo attivato e abbiamo in programma alcuni Progetti rivolti all’intera cittadinanza con l’obiettivo di diffondere una cultura del benessere psicologico e prevenire il disagio. Tra questi ci sono “Lo Psicologo in Farmacia“, “Progetto Melograno” e “Progetto Gemelli Gemellini“.

3 marzo 2014

La consulenza psicopedagogica

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA’

image

Si tratta di uno spazio rivolto a  tutti i genitori (singoli o in coppia) e ad altri componenti dell’ambito familiare che desiderano approfondire, chiarire e migliorare il proprio stile educativo, la comunicazione e il dialogo quotidiano coi figli.

Questo può permettere ai genitori di allentare la pressione esterna ed interna e concedersi del tempo per pensare e prendere contatto con se stessi, il proprio figlio e le relazioni familiari.

28 febbraio 2014

Che cos’è il colloquio clinico?

colloquio clinico

Il colloquio clinico è una tecnica di osservazione e di studio del comportamento umano che avviene in un assetto metodologicamente corretto e in un idoneo clima emotivo. Questo contesto permette al paziente di presentarsi, comunicare le proprie difficoltà e fornire gli elementi necessari alla consultazione; al clinico di osservare, rilevare e comprendere gli elementi necessari al suo intervento.

Per maggiori informazioni sulla seduta clicca qui.

27 febbraio 2014

Informazioni sullo psicologo

Cosa fà lo Psicologo?Quando è utile andarci?…

In questo spazio cercheremo di fornire alcune risposte  alle domande più frequenti sullo Psicologo nel tentativo di far crollare i falsi miti che ruotano intorno a questa figura professionale.

Chi è lo Psicologo?

Lo Psicologo è professionista che si occupa di salute, è una persona laureata in psicologia, che dopo il corso quinquennale di studi, deve svolgere un anno di tirocinio pratico per poter sostenere l’esame di stato che gli permetterà di esercitare la professione.
Quindi il mestiere di Psicologo non si può improvvisare, ma è frutto di un percorso di studi lungo ed impegnativo in continua formazione.

Quando è utile andare dallo Psicologo?

Seppur con meno vigore rispetto al passato, tuttora  nel nostro Paese permane la convinzione secondo la quale andare dallo Psicologo  vuol dire essere “matti” o “fuori di testa”.

In realtà andare dallo Psicologo significa semplicemente  prendersi cura  della propria salute mentale la quale va ricordato non può essere svincolata da quella fisica. Mente e corpo sono due facce della stessa medaglia quindi per migliorare la qualità della propria vita è importante prendersi  cura di sé in toto.

Andare dallo Psicologo per un supporto psicologico può ad esempio essere utile per:

  • migliorare la propria autostima e/o il proprio umore;
  • superare una crisi temporanea o affrontare un cambiamento di vita;
  • affrontare problematiche relative a difficoltà affettive, sociali, familiari, relazionali, scolastiche, lavorative;
  • gestire meglio alcuni tratti della propria personalità favorendo una crescita interiore personale;
  • raggiungere una maggiore e migliore consapevolezza di sé e degli altri;
  • promuovere il benessere personale valorizzando le proprie risorse;
  •  uscire da situazioni che generano confusione o blocchi;
  • liberarsi da eccesso di ansia, stress, paure, difficoltà….

Gli ambiti di applicazione della professione sono infiniti ma è in linea di massima è bene tenere a mente che rivolgersi allo Psicologo può essere utile tutte le volte in cui ci si trova in una situazione di stress, di sofferenza, di disperazione di bassa autostima o semplicemente tutte quelle volte che si ha una sensazione di malessere che porta a chiedersi: cosa mi sta succedendo? In tutte queste circostanze Lo pPsicologo, con colloqui di valutazione e di supporto, aiuta la persona a superare queste sofferenze o ad alleviarle per tornare ad avere una vita soddisfacente.

Cosa non fa lo Psicologo?

Lo Psicologo non dispensa  consigli e non risolve i problemi delle persone…La sua funzione è quella di aiutare il paziente a valutare la soluzione più adatta al suo caso, non dice al paziente cosa fare e come farlo ma lo aiuta a capire come sfruttare al meglio le risorse e le energie che già possiede ma che per varie ragioni non sono accessibili. Tra gli strumenti più comuni di lavoro dello Psicologo ricordiamo il colloquio, i test  e non la palla di vetro o pozioni magiche…

Lo Psicologo non da farmaci…Prescrivere farmaci è una competenza esclusiva di una persona laureata in medicina. Qualora lo Psicologo lo ritenga opportuno può inviare il proprio paziente  ad uno Psichiatra al fine di affiancare ad un supporto psicologico  anche un trattamento farmacologico. Questo perché lo Psicologo attiva collaborazioni con diverse figure professionali per promuovere il benessere psicofisico del proprio paziente.

Lo Psicologo non legge nei pensieri altrui…Molto spesso quando ad una persona appena conosciuta comunichiamo che facciamo le psicologhe, una reazione piuttosto comune è credere che basti uno sguardo per capire cosa si nasconde nella teste delle persone. Magari fosse vero…Ci spiace dover far crollare questo mito e dover comunicare che lo Psicologo è un essere umano, è sicuramente una persona che è in grado di entrare in empatia con gli altri, certamente ha affinato delle preziose tecniche osservative ma di sicuro  ma non è un Supereroe.

26 febbraio 2014

Cos’è la Psicodiagnosi?

PSICODIAGNOSI

Il termine composto “psicodiagnosi” deriva dal greco “psiche” (Anima), “dia” (per mezzo di) e“gnosis” (Conoscenza) ed indica pertanto una disciplina volta a conoscere, descrivere e valutare tutte quelle caratteristiche che definiscono e compongono la personalità dell’individuo e il suo modo di porsi in relazione con se stesso e con l’altro.

Per l’espletamento dell’indagine psicodiagnostica lo psicologo si avvale, in associazione, dei colloqui clinici con il paziente (nei quali può anche essere effettuata la raccolta anamnestica, ovvero la ricostruzione della vita del paziente) la somministrazione di test. Gli strumenti utilizzati possono variare a seconda del paziente (età, problematiche presentate), del contesto, degli scopi della valutazione e dall’orientamento teorico del valutatore.

I test che possono essere utilizzati sono numerosissimi. Sono suddivisi in categorie:

  • Test di  livello, impiegati per misurare le capacità cognitive ed il livello intellettivo dell’individuo. Tra essi si ricordano le Scale Weschler (Wais-R, Wisc-IV) e le Matrici di Raven;
  • Test proiettivi, un insieme di prove cliniche che consistono nella codifica e nell’interpretazione di risposte liberamente prodotte dal soggetto di fronte a un set di stimoli  percettivi più o meno ambigui. I test si dividono in strutturali (il più utilizzato è il “Test di Rorschach”) e tematici (basati sul racconto di storie; tra essi si ricorda il “Thematic Apperception Test”, il “The Blacky Pictures”, l’ ”Object Relations Technique”);
  • Le interviste diagnostiche: suddivise in strutturate o semi-strutturate, si rivolgono al paziente o ai suoi famigliari, con lo scopo di acquisire una raccolta dettagliata di informazioni relative agli aspetti più prototipici del funzionamento psichico del paziente. Esempi di interviste diagnostiche sono la SCID-I e SCID-II (“Structured Clinical Interview for DSM-IV Axis I e Axis II Disorders”);
  • I questionari o “Inventari di personalità”:  Possono essere compilati dal paziente o da figure per lui significative (nel caso di adolescenti, ad esempio, i genitori) e si caratterizzano per la presenza di affermazioni rispetto alle quali si richiede di esprimere il livello di accordo o di disaccordo. Le finalità possono essere molteplici. Alcuni, in particolare, mirano ad identificare aspetti specifici della personalità del soggetto (ad esempio, il Beck Depression Inventory, per la valutazione della depressione). Altri questionari, al contrario, presentano uno spettro valutativo più ampio. Tra essi si ricorda il Minnesota Multiphasic Personality Inventory-II, (Butcher et al.,1989);
  • Le “Rating Scales”: un insieme di scale che valutano specifici sintomi. Tra esse, a titolo esemplificativo, la PANSS (Kay, Fiszbein, Opler, 1987; Kay, Opler, Lindenmayer, 1988; Kay, 1991), che rileva la presenza di disturbi psicotici.

I dati raccolti consentiranno allo psicologo di comprendere molteplici aspetti di funzionamento del paziente (cognitivo, interpersonale, emotivo, ecc.), formulare una diagnosi e fornire una eventuale indicazione al trattamento.

Al termine del processo psicodiagnostico, il clinico effettuerà con il paziente (con il genitore in caso di persona minorenne) un colloquio conclusivo, atto a effettuare una restituzione di quanto è emerso.

25 febbraio 2014

Che cos’è l’EMDR

Ogni psicologo/psicoterapeuta, sulla base della propria formazione e personalità, porterà all’interno della seduta con il paziente metodi e tecniche diverse. L’EMDR è una di queste.

Si tratta di una tecnica cognitivo comportamentale che può essere affiancata ad altri tipi di trattamento. EMDR è l’acronimo di Eye Movement Desensitization and Reprocessing, ovvero desensibilizzazione e rielaborazione tramite il movimento degli occhi. 

 E’ caratterizzata dalla stimolazione alternata bilaterale (visiva, tattile, uditiva). Questa tecnica sfrutta le innate caratteristiche di autoguarigione della persona, ovvero la resilienza. Si concentra sull’elaborazione dei ricordi traumatici e integra la parte cognitiva, emotiva e corporea dell’individuo nelle tre dimensioni del tempo: passato, presente e futuro. È indicata in particolare nei casi di esperienze traumatiche significative, ma è utile anche per molti altri disturbi psicologici.

Tag:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: