Tiziana Fiore

Dott.ssa Tiziana Fiore, Psicologa clinica, Mediatrice.

Mi chiamo Tiziana Fiore, la psicologia e più in generale le scienze psico-sociali mi hanno affascinato fin dagli anni delle scuole superiori, infatti dopo aver ottenuto il diploma ad indirizzo socio-psico-pedagogico, ho proseguito gli studi universitari a  Pavia dove ho conseguito la specializzazione in Psicologia Clinica discutendo nel 2008 una tesi dal titolo”Il malato terminale oncologico tra vissuti soggettivi e dinamiche relazionali”.

Ho svolto il tirocinio post-laurea, presso il Centro Italiano per la Promozione della Mediazione un’Associazione preposta alla gestione Pacifica dei Conflitti della quale attualmente sono collaboratrice e socia. Durante il periodo di formazione ho fatto esperienza diretta con i disagi e le sofferenze provocate da situazioni conflittuali di diversa natura ed entità (familiari, interpersonali, con le istituzioni, tra piccoli gruppi) e nel 2011 ho ottenuto l’ Abilitazione all’iscrizione all’Albo di “Mediatore Professionista” deputato a gestire tentativi di conciliazione civile e commerciale presso organismi di mediazione pubblici e privati.

Negli ultimi anni ho avuto modo di interagire e lavorare prevalentemente con adulti e giovani adulti, coinvolti in situazioni conflittuali o che hanno compiuto condotte violente o a rischio di comportamenti antisociali. Ho preso parte al Progetto di trattamento e presa in carico di autori di reati sessuale all’interno della 2o Casa di Reclusione di Milano – Bollate svolgendo attività psicodiagnostica. Mi occupo del sostegno telefonico alle vittime di reato presso il Servizio Psicotraumatologico del Comune di Milano collaborando ad  un progetto  sullo Stalking finanziato dalla Comunità Europea.

Le esperienze di vita mi hanno portato a contatto con la sofferenza legata alla condizione di infertilità e per questo insieme ad altre colleghe  ho ideato  “PROGETTO MELOGRANO”. All’interno del progetto conduco colloqui individuali, di coppia e gruppi di auto mutuo aiuto al fine di alleviare la sensazione di solitudine e frustrazione insita nella difficoltà di non riuscire a concepire un figlio.

Gli strumenti principali che utilizzo nel mio lavoro sono il colloquio clinico e i test psicologici(ho frequentato il Corso Rorschach riconosciuto dalla S.I.R.C.S. Società Italiana per il Rorschach Comprehensive System) volti ad approfondire la personalità ed eventuali difficoltà e/ o attitudini delle persone.

Il contatto con la persone è stato protagonista durante tutta la mia vita non a caso forse ho deciso di fare delle relazioni il mio lavoro. Credo che al di là delle competenze professionali che rappresentano non solo un obbligo ma un dovere morale e deontologico, la buona riuscita di un trattamento dipenda da due fattori principali: la motivazione da parte della persona che chiede aiuto e la capacità dello psicologo di creare un clima accogliente e  non giudicante in grado di infondere fiducia senza però incentivare false aspettative.

Rivolgersi allo psicologo non è un limite ma una risorsa. Ci sono ancora molti pregiudizi sul suo ruolo, tra i quali credere che chi si rivolge allo psicologo è “pazzo” o “fuori di testa”… Niente di pià sbagliato! Ritmi di vita troppo serrati, scadenze imminenti da rispettare, relazioni faticose o semplicemente una quotidianità che ci stà stretta, possono essere delle buone ragioni per chiedere un primo colloquio e iniziare un percorso volto a prendersi cura di sé.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: