Archive for aprile, 2015

29 aprile 2015

ECCESSIVO CONTROLLO: LA DANZA AFRICANA COME TECNICA

LA DANZA AFRICANA COME TECNICA DI LAVORO

danza-africana-quadro-2-xG00

SABATO 9 MAGGIO 2015

dalle 10.30 alle 12.30

 

Ti aspettiamo per sperimentare, guidati dalla Dott.ssa Sara Palermo, un’interessante esperienza di gruppo!

Nella nostra vita la capacità di esercitare il controllo è senz’altro importante. Tuttavia quando diventa eccessivo questo finisce per diventare negativo, dannoso e non efficace.

Il workshop ti permetterà di lavorare sulla perdita di controllo, sul “lasciare andare”…allo stesso tempo potrai entrare in contatto con la magia della danza africana, usata qui come tecnica della Psicologia Funzionale.

Dove: Via Magellano, 3 Milano (MM3 Dergano)

Prezzo: 20 euro compresa tessera associativa annuale – 10 euro per i soci

Chiusura iscrizioni: lunedì 4 maggio (prorogata a giovedì 7)

Per garantire la qualità del workshop il numero di posti è limitato

L’eveto viene proposto in collaborazione e grazie all’Associazione Formichebianche e condotto dalla Dott.ssa Sara Palermo, Psicologa, Specializzanda in Psicoterapia Funzionale e Ballerina.

ass formichebianche

Annunci
15 aprile 2015

La Negoziazione assistita

La legge 162/2014 si propone di tagliare l’arretrato civile favorendo il ricorso ad arbitrati per le cause pendenti e la negoziazione assistita dagli avvocati per le altre cause oltre ad introdurre un iter veloce per la separazione e i divorzi consensuali.

negoz

Genericamente si definisce negoziazione assistita (art.  2 della predetta legge) un accordo mediante il quale le parti convengono di cooperare in buona fede e con lealtà per risolvere in via amichevole la controversia tramite l’assistenza di avvocati iscritti all’albo.

La convenzione di negoziazione deve precisare:

  • il termine concordato dalle parti per l’espletamento della procedura in ogni caso non inferiore a un mese e non superiore a tre mesi, prorogabile per ulteriori trenta giorni su accordo delle parti,
  • l’oggetto della controversia, che non deve riguardare diritti indisponibili o vertere in materia di lavoro.

Più nello specifico si può affermare che, attualmente, uno dei nuovi modi per ottenere il divorzio in modo consensuale è la «negoziazione assistita da un avvocato».

Questo significa che non è più necessario passare da un giudice che verifichi l’irreversibilità della crisi coniugale prima di decretare lo scioglimento del legame, ma basta la mediazione di un legale. Il professionista è tenuto a redigere un documento sull’accordo raggiunto dai coniugi, farlo firmare dalle parti e autenticarlo (art. 6 l. 162/2014)

Infatti, in mancanza di figli minori, di figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave ovvero economicamente non autosufficienti, l’accordo raggiunto a seguito di convenzione di negoziazione assistita è trasmetto al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente il quale, ove non vi siano irregolarità, comunica agli avvocati il nulla osta per gli adempimenti.

In presenza di figli minori, di figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave ovvero economicamente non autosufficienti, l’accordo raggiunto a seguito di convenzione di negoziazione assistita deve essere trasmetto entro il termine di dieci giorni al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente, il quale, quando ritiene che l’accordo risponde all’interesse dei figli lo autorizza.

Quando ritiene che l’accordo non risponda all’interesse dei figli il Procuratore della Repubblica lo trasmette antro 5 giorni, al Presidente del Tribunale che fissa entro i successivi trenta giorni la comparizione delle parti.

Raggiunto l’accordo esso deve essere trasmesso, entro dieci giorni, all’ufficiale di stato civile del Comune in cui il matrimonio è stato iscritto o trascritto. In caso di ritardo è prevista una sanzione da 5 mila a 50 mila euro. Le stesse regole valgono anche per chi intenda ottenere la separazione o la revisione delle condizioni di separazione o divorzio già fissate dal giudice.

Si ricorda però che per ottenere il divorzio occorreranno comunque tre anni.

di Avv. Elena Serra

14 aprile 2015

FattoreMamma Award 2015

Cari amici di Granelli di Psicologia,

quest’anno abbiamo il piacere di partecipare al concorso FattoreMamma Award 2015, che promuove progetti creati da mamme e dedicati alla maternità…avete voglia di aiutarci a vincere?

Allora non dimenticatevi di votare il nostro progetto “Gemelli Gemellini” (progetto n^18) andando direttamente a questo link.

http://www.mammacheblog.com/socialfamilyday/ 

fm-awards-2015

Guarda la Presentazione del nostro progetto e VOTACI!!!!

Ricordati che hai tempo per votare fino al 29 aprile 2015…affrettati!!

…e diffondi la notizia anche tra i tuoi amici!!! Grazie!

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: