Archive for agosto, 2012

30 agosto 2012

PROGRAMMA INCONTRI 2012/13

cicogna_low-01_conscritta-01.jpg (637×500)

Granelli di psicologia  ritorna all’opera!!

Ecco il programma completo degli incontri dedicati a PROGETTO MELOGRANO.

Per maggiori dettagli visualizza tutto il PROGRAMMA 2012/13

Annunci
27 agosto 2012

LA NAVE

BARCA

 

Diverse volte mi è capitato di trovarmi in mezzo al mare a bordo di una piccola barchetta, o sopra una grande nave da crociera.  Ascoltavo rilassata il moto delle onde o speravo di scampare ad una tempesta…sono molte le sfaccettature sotto cui potremmo incontrare la Barca nei nostri sogni, non sempre quindi ci starà fornendo lo stesso messaggio. Andrà sicuramente tenuto conto anche dell’elemento acqua e di tutti quelli che ne fanno da cornice.

La barca è un mezzo che ci permette di compiere un viaggio, un simbolo carico di energia, archetipo di un femminile accogliente e di un maschile che spinge all’azione. Con viaggio potremmo riferirci ad un breve percorso nel profondo (pensiamo a Caronte che traghettava i morti verso l’Ade), ad un momento particolare della nostra esistenza o al sentiero della nostra vita. In linea generale la barca potrebbe rappresentare un mezzo abbastanza sicuro per poter compiere la traversata, qualsiasi essa sia, in base al sognatore. Un rinforzo che arriva dall’inconscio, un incoraggiamento a non mollare, a proseguire sulla strada che abbiamo intrapreso o che pensiamo di iniziare. Allora quando sentiremo la calma dell’acqua che ci spinge senza sforzo pensiamo a come il nostro percorso stia procedendo senza grossi ostacoli, così come dovrebbe essere. Quando raggiungeremo un porto e saremo arrivati, al sicuro, allora pensiamo ai nostri progetti portati a termine con successo!  A volte però la barca potrebbe rompersi, potrebbe non rimanere a galla o non sopportare un certo peso…in questo caso forse dovremmo porci delle domande rispetto a al momento specifico che stiamo attraversando o qualche preoccupazione in particolare. L’energia legata al simbolo della barca ci tiene a galla, non ci fa affogare, ma forse richiede una maggiore energia per poter proseguire nel proprio viaggio, forse il nostro inconscio ci suggerisce di prendere in mano la situazione.

In ogni caso la barca è simbolo di energia e di un movimento progressivo, una possibilità di procedere verso la tappa successiva…Buon viaggio!

Dott.ssa Irene Bellini

21 agosto 2012

Il topazio

 TOPAZIO

 

“Prendi dunque la pietra citata, incidi su di essa l’immagine di Poseidone ritto su un carro trainato da cavalli e che tiene nella sinistra le redini, nella destra le spighe, e si aposta accanto a lui anche Anfitrite. Il topazio, così consacrato e portato, procura a chi lo possiede amore ed è datore di numerosi beni. Preserva chi lo porta dai pericoli del mare e gli assicura grossi guadagni nei commerci. Esso giova ai malati agli occhi al punto di guarire ogni oftalmia.”

Dal lapidario “Sulle pietre” (anonimo autore greco)

Il topazio è un fluorisilicato d’alluminio, si forma principalmente in rocce plutoniche e vulcaniche di tipo acido ossia ricche in silicio e fluoro, più raramente nelle rocce metamorfiche. E’ un minerale allocromatico, ossia se chimicamente puro è incolore; elementi in traccia quali cromo, manganese, ferro e/o centri di colore nella struttura reticolare gli conferiscono le molteplici colorazioni con cui è conosciuto. In natura si riscontrano le seguenti colorazioni, elencate dalla più rara alla più comune: rosso, rosa, blu-verde, azzurro (naturale), rosa-arancio, giallo-bruno, giallo-arancio (cherry), giallo, incolore; colori sempre comunque delicati e mai toppo pronunciati.

I topazi marroni, gialli, arancio, ciliegia, rossi e rosa, si trovano in Brasile e nello  Sri Lanka. I topazi rosa si trovano in Pakistan e Russia. Di topazio azzurro esiste un solo esemplare, e si trova in Italia. (Fonte Wikipedia)

Secondo Plinio il suo nome deriverebbe dal greco “topazion”, diminutivo di “topazos”, perchè proveniente dall’isola di Topazos, nel Mar Rosso, attuale Zeberget. Secondo un’altra ipotesi deriverebbe dal sanscrito “topas” che significa calore. Per gli antichi Egizi simboleggiava Ra, il dio del Sole.

Durante il Medioevo veniva considerato una pietra ricca di energia, tanto da venir messa sotto il cuscino durante la notte per eliminare le tensioni nervose e rinvigorire il corpo.

Oggi il topazio giallo, viene posto sul plesso solare, in modo che rilassandosi e respirando profondamente, aiuti a sciogliere le tensioni emotive. L’energia solare di cui è carico, lo rende utile nel calmare un temperamento difficile e a dare forza. Si dice migliori anche la chiarezza mentale e la messa a fuoco delle situazioni, aumentando la fiducia.

Il topazio giallo-ora è la pietra del Leone, insieme all’Ambra e al Rubino; tutte gemme dotate di una luce gialla, come quella del Sole o del Fuoco.

Dott.ssa Irene Bellini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: