Seleziona una pagina
Il guerriero della luce conosce l’importanza dell’intuizione. In piena battaglia, non può certo pensare ai colpi del nemico: allora usa l’istinto e obbedisce al proprio angelo. In tempo di pace, decifra i segnali che Dio gli invia. La gente dice: “è matto”. Oppure: “vive in un mondo di fantasia”. O ancora: “come può confidare in cose prive di logica?”
Ma il guerriero sa che l’intuizione è l’alfabeto di Dio, e continua ad ascoltare il vento, e a parlare con le stelle.
(“Il manuale del guerriero della luce” P. Coelho)

Noi esseri umani ci differenziamo dagli altri esseri viventi per il fatto di possedere la capacità di ragionamento e di pensiero. Non dimentichiamoci però che anche le risorse più istintuali guidano il nostro comportamento!

Conosciamo il mondo e la realtà che ci circonda attraverso i nostri sensi, che ci permettono di percepire non solo con la ragione, ma anche con il nostro “sentire”. E tra i sensi ne abbiamo anche uno noto come “sesto senso”, che al di fuori di ogni logica razionale ci guida nelle nostre azioni quotidiane. Molto spesso intorno a noi accadono cose che non possiamo spiegare con la ragione, ma che deviano o modificano il nostro cammino delineando una strada ben precisa da seguire.

Ebbene, quello che possiamo fare è fidarci di più del nostro istinto e dei segnali che si presentano su questa strada, perché potrebbero rivelarsi utili e chiarificatori, aprendoci delle nuove porte che fino ad ora non eravamo neanche in grado di vedere.

Dott.ssa Stefania Cioppa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: