IL VERDE

IL VERDE

Ho sempre associato il verde con la speranza, la natura, il benessere. Seduti all’ombra di un grande albero in primavera, chi non fa un bel respiro e lascia spazio ai pensieri e la fantasia? Nell’ultimo periodo ho avuto a che fare con questo colore in diverse circostanze, finchè l’altra notte in sogno una mia cara amica mi ha invitata ad accogliere dentro me un po’ di verde…

Il verde deriva dalla mescolanza tra il giallo e il blu:

“Il blu, possedendo un moto diametralmente opposto, frena il giallo e i due movimenti opposti si annientano reciprocamente e si ottiene una totale immobilità e quiete.” ( Kandinsky, 1974)

La speranza legata al verde è legata solo a quelle tonalità cariche di giallo, è allora primavera ..L’archetipo verde assume diverse caratteristiche legate alla rinascita e la fecondità ma anche al suo ruolo di terzo mediatore (archetipo del 3). Allora possiamo immaginare il verde tra i caldi raggi del sole, carichi di energia e il sottostante blu del mare, portatore di altrettante ma opposte energia. Il verde nella sua posizione di mediano, tende all’equilibrio, alla stasi e si lega ad una certa tensione interiore. Tale tensione può spingerci verso una rinascita, una rigenerazione o al contrario verso un ripiegamento difensivo su dise. In quest’ultimo caso dovremmo fare nostra la pazienza e la perseveranza che il  verde ci offre per continuare a guardare senza paura le foglie del grande albero fichè esse non raggiungano un equilibrio tale da farci sentire in quiete.

Curiosità..

Per i cinesi, l’onnipotente Giada (Yu), era incarnazione terrestre del principio cosmico jang: attivo, mascchile, fecondatore e vivificante.

L’induismo attribuisce il verde al quarto chakra e tra i suoi disturbi colloca quelli che caratterizzano le persone fredde, isolate, carenti di empatia, timorose dell’intimità e intolleranti verso sè e gli altri.

Jung abbina il verde al tipo sensazione.

Per Luscher il tipo verde si caratterizza di una forte tensione interna, legata ll’aspetto tensivo del colore (tra giallo e blu).

Dott.ssa Irene Bellini

Annunci

3 commenti to “IL VERDE”

  1. Davvero interessante, non avevo mai pensato al verde come all’incontro tra i caldi raggi del sole e le energiche acque del mare. Davvero poetico e rivelatorio!
    Come possiamo prendere la nostra dose di verde quotidiano?

  2. Leggendo questo articolo ho pensato a quanto il verde sia parte della mia vita e a quanto anche il gesto più “casuale” di scegliere un colore non sia poi tanto casuale, ma parli di noi e della nostra essenza più profonda. L’inconscio trova il suo modo di esprimersi attraverso i gesti della quotidianità e se noi diamo un giusto senso a quello che “casualmente” ci accade non perdiamo delle importanti parti di noi.
    Ogni verde per poter rinascere dovrebbe un pò allontanarsi dal giallo e permettere alla tensione interiore e al suo ruolo di mediazione di non soffocargli la sua creatività, segno della sua rinascita.

  3. il verde con la sua forza mediatrice mi porta sopra un’amaca sospesa fra due palme in una spiaggia bianca..se questa deve essere la mia rinascita che arrivi presto perche’ mi piace proprio!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: